'

La tua pubblicità non ottiene risultati? Scopri perché

In un mondo in cui le persone vengono esposte tutti i giorni a migliaia di spot pubblicitari, non c’è alcun dubbio sul fatto che anche la tua attività ha bisogno di entrare in questa arena. In fin dei conti non puoi fare affidamento solo sul passaparola come leva per il tuo successo: la quantità di clienti che ti lascerebbero sarebbe sempre più alta di quella dei nuovi clienti.

Fare pubblicità è un dovere!! La domanda è: perché, pur costando così tanto, spesso non ti da i risultati che vuoi??

Che sia costosa o economica, l’attività pubblicitaria consiste fondamentalmente nel misurare i risultati piuttosto che nel misurare i costi. Se chiedessi ad un imprenditore di investire ogni settimana 100 euro in pubblicità, questo non sarebbe un prezzo fuori di testa, ma, se dopo due settimane egli non ottenesse risultati, questi 100 euro sarebbero stati uno spreco di soldi. D’altra parte, se io gli dicessi che, a fronte di un investimento di 10.000 euro otterrebbe una crescita garantita nel suo volume di affari di 100.000 euro, egli non batterebbe ciglio nello spendere una somma di quel tipo anche tutte le settimane!

99 Mini-lezioni Email MarketingA tutti noi sono state fatte molte promesse e tutti noi abbiamo sperimentato molte delusioni per il semplice fatto di aver creduto a frasi tipo: “Ecco qui, proprio davanti a te, la nuova miniera d’oro che ti porterà nuovi clienti”.

Che cosa deduciamo da tutto questo? Ne deduciamo che i costi non hanno alcuna importanza, ma quello che conta sono i risultati. E il problema principale che porta alla mancanza di risultati è sempre un’azione sbagliata: ad esempio, se sto preparando una torta e questa viene acida oppure non lievita nel modo corretto, chiaramente il problema non si trova nella torta, ma in chi l’ha fatta. Ho visto molti imprenditori che, per un motivo o per l’altro, incolpavano la pubblicità per la mancanza di risultati quando invece dovevano semplicemente verificare cosa potevano fare per ottenere i risultati voluti. 

L’errore più comune nella pubblicità è l’assenza di una strategia di marketing. Non esiste una cosa come un business unico nel suo genere e non esiste un prodotto che non abbiano anche i tuoi concorrenti. Internet ha rotto le regole del gioco, oggi chiunque può accedere a qualsiasi informazione gli occorra, ci sono un sacco di motori di ricerca fanno la comparazione dei prezzi. I clienti diventano SEMPRE PIÙ insensibili verso qualsiasi tipo di vendita o campagna pubblicitaria e, al giorno d’oggi, puoi vedere che quasi tutte le vetrine propongono lo stesso sconto del 50% oppure l’acquisto un pezzo per ottenere uno sconto sul secondo acquisto.

Prima deve esserci una strategia di marketing e poi con la pubblicità potrai mettere in risalto in che modo la tua attività e i tuoi servizi si differenzino dalla concorrenza, e questo può essere molto più attraente rispetto all’avere prezzi più bassi, al fare sconti allettanti, ecc.

Quando realizzi una strategia di marketing devi focalizzarti sulle seguenti cose:

  1. Idea differente. Un ottimo modo per ottenere risultati nella tua pubblicità è quello di trovare un’idea differente per il tuo prodotto, oppure un modo diverso con cui presentarlo. Ad esempio, un asilo potrebbe offrire come servizio l’impegno che, a fine giornata, i bambini aspettino i genitori dopo aver già fatto il bagno ed aver indossato degli abiti puliti. Un asilo di questo tipo avrà un vantaggio enorme nei confronti degli altri asili. Ecco un altro esempio: alcuni anni fa in Inghilterra si vedevano in giro molti fast food che vendevano hummus arabo, ed ogni negozio aveva un nome tipo “The Hummus King”, “Hummus Champion” etc. Avere dei nomi così altisonanti non aiutato questi negozi ad avere delle lunghe code di clienti in attesa alla porta di entrata. Non vedevi frotte di persone che venivano da altre parti della città per assaggiare il loro hummus, nonostante i prezzi più alti. Ma potevi invece vedere una coda di persone, che venivano anche da altre parti della città, per entrare in un piccolo negozietto che vendeva lo stesso prodotto (hummus) ma presentato in modo diverso; offrivano una gran varietà di gusti (hummus con ceci tritati, hummus con funghi, hummus con carne di manzo tritata, ecc.). E dopo alcuni mesi i proprietari hanno aperto altri punti vendita un po’ in tutta l’Inghilterra. L’unica cosa che avevano fatto è stata quella di rendere l’hummus un tantino più interessante, aggiungendovi vari tipi di gusti, e questo era qualcosa a cui gli altri non avevano pensato!
  1. Confezione differente. Pensa a questo esempio: dell’insalata in un contenitore che contiene anche delle piccole bustine di salsa alla mostarda o di salsa dressing. Si tratta di un prodotto differente dalla massa,  ed il costo per produrre tale differenza è irrisorio. Il cliente sceglierà automaticamente la versione con la salsa. La battaglia è già decisa e la confezione con il condimento non deve neanche essere venduta ad un prezzo più basso: si  venderà meglio perché si tratta di un prodotto completamente diverso. Altro esempio: un dietologo che offra un supporto 24 ore su 24 nel caso tu abbia voglia di mangiare una pizza quando sei a dieta, sta “confezionando” il suo prodotto in modo diverso.
  1. Pubblico differente. Questa è la parte più importante: non rivolgerti a chiunque abbia un portafogli, ma trova qual è la fascia di pubblico che la tua concorrenza sta trascurando e approccialo. Non correre assieme al branco, perché questo ti calpesterà. Trova invece la fascia di pubblico che è meno contesa e diventerai rapidamente uno dei leader nel tuo settore per quel particolare tipo di pubblico.
  1. Nota importante: assicurati di elaborare costantemente nuove idee, tieni a mente che verrai imitato da tutte le parti! 

Adesso sei pronto per elaborare la tua strategia di marketing e, nel caso tu ne abbia bisogno, sappi che i consulenti di SUCCESS Italia sono sempre disponibili a darti una mano. 🙂

Cosimo Malagrinò

99 Mini-lezioni Email Marketing

2 commenti

  1. giuseppe bonetti

    Si è proprio così.
    Ciao Giuseppe

Rispondi a giuseppe bonetti Cancella un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*