'

10 consigli per scrivere una newsletter

10 consigli per scrivere una newsletterChe cos’è esattamente una newsletter? È una rivista elettronica che viene distribuita via internet direttamente nella casella e-mail degli abbonati e che offre contenuti, messaggi, consigli e prodotti dell’azienda mittente.

La newsletter è uno strumento molto importante per mantenersi in comunicazione continua con i clienti esistenti dell’azienda e, cosa ancora più importante, per far conoscere meglio l’azienda a quei nuovi clienti che, pur avendo manifestato un qualche interesse, non hanno però mai acquistato alcun servizio. Ma la cosa ancora più interessante è che la newsletter rappresenta lo strumento di marketing più economico in assoluto.

È da un bel po’ di tempo che stiamo dando consulenza ai nostri clienti su questo argomento, con risultati più che soddisfacenti. Molti pensano che scrivere una newsletter o distribuirla sia un’operazione banale, ma creare una newsletter di successo, che verrà poi aperta e letta dai destinatari; una newsletter che i tuoi clienti inoltreranno ai loro amici incoraggiandoli ad acquistare da te… beh, questa è tutta un’altra storia.

Ecco alcuni suggerimenti e idee che ti saranno utili per iniziare a creare una newsletter di successo:

99 Mini-lezioni Email Marketing

1. Tempistica – La newsletter deve essere inviata a intervalli di tempo regolari e preferibilmente sempre alla stessa ora. Questo significa che, dopo aver deciso di pubblicarla con cadenza settimanale, quindicinale o mensile, dovrai poi inviarla regolarmente sempre nello stesso giorno: ad esempio ogni lunedì, ogni due mercoledì oppure il primo giorno di ogni mese. Così facendo i tuoi messaggi diventeranno un dato stabile.

La cosa importante è che tu ti invii la tua newsletter almeno una volta al mese, altrimenti otterrai una percentuale molto alta di persone che si cancelleranno dalla tua lista … e i tuoi risultati saranno scarsi. Come per qualsiasi altra cosa nella vita, il segreto sta nel dosaggio ed è importante sottolineare che quest’ultimo è differente da business a business. Ad esempio, la frequenza di invio di e-mail indirizzate ad appassionati di automobili che cercano ogni giorno novità ed aggiornamenti, sarà ben diversa dalla frequenza di invio di e-mail indirizzate ai commercialisti, a cui basterà riceverne una al mese.

2. Note personali – La newsletter dovrebbe includere un breve messaggio personale da parte del titolare o di uno dei manager. Il messaggio può riguardare una particolare vacanza che ha fatto o un particolare evento che gli è accaduto o a cui ha partecipato; può essere di tipo umoristico o educativo e dovrebbe essere quanto più possibile reale. Ovviamente, il messaggio dovrà essere pertinente e collegato in modo inequivocabile alla tua azienda e al pubblico a cui ti rivolgi.

3. Suggerimenti e idee – Viviamo nella cosiddetta era del “tutto e subito”: tutti noi vogliamo le cose in fretta, proprio in questo momento e meglio ancora se ieri. La gente preferisce leggere piccoli suggerimenti in pillole, piuttosto che un articolo di quattro pagine. Ti consiglio caldamente di offrire un suggerimento o un’idea in ognuno dei messaggi che invii. Se hai una panetteria aggiungi una ricetta, un’idea per una cottura di successo, oppure consiglia uno strumento utile per la cucina. Se invece hai  un vivaio, metti un suggerimento sulla crescita dei fiori di stagione.

4. Marketing e pubblicità – Sì! La newsletter è senza alcun dubbio uno strumento di marketing e dovresti impiegarlo per pubblicizzare nuovi prodotti, nuovi servizi e qualsiasi altra attività che possa essere utile per i tuoi clienti. La newsletter di un beauty center pubblicizzerà ogni quindici giorni prodotti in vendita, eventi di vendita e persino serate al femminile con lezioni speciali su argomenti specifici. L’importante è di non esagerare con la pubblicità e di non metterla in cima alla mail. L’impressione generale che i tuoi clienti dovranno ricevere è che la tua newsletter è stata ideata con lo scopo principale di arricchire la loro conoscenza e che la decisione di procedere con un acquisto spetta solo a loro senza sentirsi in alcun modo obbligati.

5. Design – La newsletter dovrebbe essere scritta con un carattere chiaro, grande e ben leggibile. Ed è importante che tu mantenga una certa uniformità: non sovraccaricarla mischiando tra loro diversi colori o diversi elementi grafici di design. Puoi invece mettere assieme (e ti consiglio di farlo)  delle immagini che mostrino un prodotto, un servizio o un suggerimento. La newsletter di un truccatore professionista con le immagini di alcune spose prima e dopo il makeup sarebbe una scelta molto saggia e promuoverebbe il servizio. Quando crei il design della tua newsletter per la prima volta, assicurarti di creare un modello grafico di tutto rispetto, curato da un designer professionista. Quando lo userai le volte successive, ti basterà duplicare il modello e modificarne semplicemente il contenuto, ma l’impressione di una newsletter che si rispetti resterà per sempre.

6. Scrittura e formulazione – Se non sei bravo nella scrittura di marketing e la formulazione dei testi non è il tuo forte, dovresti rivolgerti a un professionista: in giro ce ne sono un bel po’. Dovresti, soprattutto all’inizio, avvalerti dell’aiuto di un occhio esperto che esaminerà il prodotto finito prima della distribuzione al pubblico. Oltre a questo, ovviamente, dovresti sempre fare correggere la bozza da una persona neutrale prima della distribuzione al grande pubblico: chi scrive troverà un po’ difficile correggere le proprie bozze da sé.

7. Ricerca dei nominativi – Qualsiasi sforzo necessario per raccogliere gli indirizzi e-mail dei tuoi clienti è uno sforzo che vale la pena fare. Ma assicurandoti che ti diano il loro consenso e che con questo accettino di ricevere messaggi pubblicitari dalla tua azienda. In questo modo potrai far crescere la tua mailing list e i tuoi messaggi verranno inviati legalmente senza infrangere la legge sulla privacy.

8. Conoscenza, Conoscenza, Conoscenza – Non sovraccaricare la tua newsletter con troppe informazioni e paroloni poco comprensibili. Condividi con i tuoi clienti dati, informazioni interessanti e cose che possano essere d’aiuto a loro o alla loro azienda. Fai attenzione a non essere troppo tecnico.

9. Testimonianze – L’angolo più gettonato in una qualsiasi newsletter è la testimonianza da parte di un cliente soddisfatto: qualcuno che ha acquistato o usufruito di uno dei tuoi prodotti o servizi e ne è rimasto soddisfatto! Hai il dovere di pubblicare qualsiasi lettera di ringraziamento, lettera di referenza, testimonianza o storia di successo che ricevi! Vale la pena di pubblicarle – solleveranno un gran bel polverone!

10. Resta in contatto – quando possibile, nella tua newsletter, permetti ai tuoi lettori di ricontattarti, preferibilmente facendo clic su un link per inviarti una mail oppure mandandolo sul modulo di contatto del tuo sito. Tutte le informazioni di contatto della tua azienda dovrebbero essere presenti. Rendi facile la vita ai tuoi clienti! Se vogliono il tuo prodotto, permettigli di fare clic e di raggiungerti senza alcuno sforzo. E non dimenticarti di gestire qualsiasi richiesta in arrivo.

Sebbene questi siano solo 10 su 100 dei diversi strumenti possibili, dovresti iniziare ad usarli. Ma, come dicevo, evita di essere troppo prolisso e troppo tecnico.

Cosimo Malagrinò

99 Mini-lezioni Email Marketing

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*